Bellero srl info@bellero.it +39 0342 380900

BLOG

Valutare il rischio chimico è il primo passo per poterlo prevenire
rischio chimico
458 0

Per agenti chimici si intendono tutti gli elementi o composti chimici, sia singoli che miscelati, sia allo stato naturale che lavorati, utilizzati e/o smaltiti come rifiuti, che vengono impiegati in qualsiasi attività lavorativa. Alcuni dei prodotti chimici più diffusi sono quelli utilizzati per le pulizie e la disinfezione, quelli per la stampa o per la conservazione degli alimenti; una così elevata presenza di sostanze chimiche, anche potenzialmente pericolose, comporta una diffusione del rischio chimico nei luoghi di lavoro ed un corrispondente rilevante numero di lavoratori esposti, a volte, in modo del tutto inconsapevole.

 

La classificazione degli agenti chimici

Tutti gli agenti chimici, si suddividono in due macro categorie:

  • gli agenti con proprietà pericolose di tipo chimico-fisico, a loro volta suddivisi in agenti infiammabili, esplosivi, comburenti e corrosivi;
  • gli agenti con proprietà tossicologiche, ulteriormente distinti a loro volta in sostanze nocive, sensibilizzanti, irritanti, tossiche, teratogene e cancerogene.

Gli effetti che le due categorie generano sui lavoratori in caso di esposizione accidentale e non adeguatamente controllata sono diversi tra loro, in quanto in caso di esposizione agli agenti di prima classe si genera un infortunio, mentre l’esposizione ad agenti della seconda classe si genera una malattia professionale. A fronte di ciò diventa importante eliminare rischio alla fonte se possibile; ove ciò non fosse possibile, è necessario abbattere il rischio mediante l’impiego di adeguati DPI.

 

Come valutare il rischio

Come prima cosa, è importante sottolineare come la valutazione del rischio chimico spetta al Datore di Lavoro. Il primo strumento che permette l’immediata valutazione della pericolosità di un prodotto chimico è costituito dall’etichettatura, che definisce nove diversi pittogrammi di rischio ognuno dei quali illustra una tipologia di pericolo associata alle proprietà intrinseche della sostanza. In realtà, il processo di valutazione del rischio da esposizione ad agenti chimici si articola, su tre fasi fondamentali:

  1. Valutazione del pericolo. In questa prima fase, si effettua l’analisi della Scheda di Sicurezza del prodotto, in cui sono elencate e descritte tutte le proprietà intrinseche di pericolo della sostanza oggetto della valutazione.
  2. Valutazione dell’esposizione. In questa seconda fase, si deve tenere conto delle modalità attraverso la quale i lavoratori esposti possono entrare in contatto con la sostanza, della frequenza di utilizzo, della quantità massima e di valutazioni ambientali e rilevazioni biologiche volte a caratterizzare la presenza della sostanza nell’ambiente di lavoro e/o l’assorbimento nell’organismo.
  3. Caratterizzazione del rischio. Nella terza e ultima fase, sulla base dei risultati emersi dalle due fasi precedenti, il Datore di Lavoro elabora una serie di misure preventive, protettive e di sorveglianza sanitaria, rivolte a eliminare o ridurre, la possibilità di esposizione alla sostanza nell’ambito dello scenario lavorativo analizzato, e in parallelo a monitorarne la presenza e la diffusione.
Condividi
Ti potrebbe interessare anche...
Lascia un commento!
*  *  * 
I PIÙ LETTI
misure di prevenzione e protezione
Cat. : Documenti della sicurezza - 20 aprile, 2018