Bellero srl info@bellero.it +39 0342 380900

BLOG

Ecco quando si possono trattare i dati particolari di un individuo
il trattamento di dati particolari
237 0

La nuova normativa europea sulla privacy, a cui ricordo che tutte le attività devono adeguarsi, specifica molto bene  che “è vietato trattare dati personali che rivelino l’origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l’appartenenza sindacale, nonché trattare dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all'orientamento sessuale della persona”. Ciò significa, che non è solo necessario trattare questi dati in modo particolarmente attento, ma che è addirittura vietato trattarli. Esistono però delle esenzioni: proviamo ad esaminarle.

 

Esenzioni del trattamento di dati particolari

Esistono delle esenzioni per il trattamento dei dati particolari, che però debbono essere esplicitamente citate dal titolare del trattamento; vediamo di cosa si tratta:

  • esplicito consenso dell’interessato: è necessario che l’informativa sia stata correttamente predisposta e che il consenso sia stato correttamente raccolto;
  • rapporto di lavoro: se un dipendente deve essere sottoposto alla sorveglianza sanitaria, è evidente che il dipendente stesso non può rifiutare il consenso al trattamento dei dati relativi;
  • interessi vitali dell’interessato: inciso di incidente o infortunio, è necessario fornire anche i dati particolari afferenti all’infortunato, per consentirgli di tutelare i suoi interessi vitali;
  • adesione ad associazioni particolari: se un individuo aderisce ad una particolare fondazione o associazione, è chiaro che ci sia la necessità che egli comunichi suoi dati personali a questi enti, i quali risultano titolari del trattamento;
  • dati pubblici: nel momento in cui un dato viene pubblicizzato, cade ogni forma di protezione nei confronti del dato stesso;
  • tutele legali: la magistratura inquirente e giudicante è libera di acquisire e trattare dati personali, anche particolari, al fine di garantire il rispetto delle leggi vigenti;
  • tutela di interessi pubblici: l’interesse pubblico ha sempre priorità rispetto alla protezione dei dati personali, anche se risulta indispensabile che un eventuale trattamento di dati particolari possa essere effettuato in condizioni di massima sicurezza e minimizzazione del rischio;
  • ricerche storiche e scientifiche: una accurata conoscenza della nostra storia può in qualche caso prevedere una deroga al diritto di tutela dei dati di qualche specifico interessato e perciò in qualche caso possono essere messi a disposizione della comunità.
Condividi
Ti potrebbe interessare anche...
Lascia un commento!
*  *  * 
I PIÙ LETTI
misure di prevenzione e protezione
Cat. : Documenti della sicurezza - 20 aprile, 2018