Bellero srl info@bellero.it +39 0342 380900

BLOG

Le strutture turistico ricettive sono dei veri e propri covi per il batterio della legionella
la legionella nelle strutture ricettive
133 0

Abbiamo già visto in precedenza che cos’è la legionella e quali sono le misure di prevenzione da mettere in atto al fine di poterla prevenire. Si precisa inoltre che, all’interno degli ambienti di lavoro, è compito del Datore di Lavoro, valutare il rischio all’interno del Documento di Valutazione dei Rischi e definire le misure di prevenzione e protezione da mettere in atto affinché il luogo di lavoro possa essere considerato sicuro.

 

Misure di prevenzione e protezione della legionella nelle strutture ricettive

Tutti i gestori di strutture ricettive, termali e ad uso collettivo devono garantire l’attuazione delle seguenti misure di controllo:

  • La temperatura dell’acqua fredda non deve essere ≥ 20°. Qualora l’acqua distribuita attraverso la rete acquedottistica superi il suddetto valore si possono creare condizioni per la moltiplicazione di legionella anche in tale rete.
  • Svuotare, disincrostare e disinfettare i serbatoi di accumulo dell’acqua calda (compresi gli scalda acqua elettrici) almeno due volte all’anno e ripristinare il loro funzionamento dopo un accurato lavaggio.
  • Disinfettare il circuito dell’acqua calda con cloro ad elevata concentrazione o con altri metodi altrettanto efficaci, dopo aver effettuato interventi sugli scambiatori di calore.
  • Ispezionare mensilmente i serbatoi dell’acqua e le tubature visibili, accertandosi che tutte le coperture siano intatte e correttamente posizionate.
  • Accertarsi che eventuali modifiche apportate all’impianto, oppure nuove installazioni, non creino bracci morti o tubature con assenza di flusso dell’acqua o flusso intermittente. 
  • Ove si riscontri la crescita di alghe, protozoi e altri batteri che possono costituire nutrimento per la legionella, utilizzare appropriati trattamenti biocidi.
  • Nelle strutture di tipo alberghiero, prima che le camere vengano occupate è necessario far scorrere l’acqua (sia calda che fredda) dai rubinetti e dalle docce per alcuni minuti.
  • Mantenere le docce, i diffusori delle docce ed i rompi getto dei rubinetti puliti e privi di incrostazioni, sostituendoli all’occorrenza.
  • Negli edifici a funzionamento stagionale, prima della riapertura procedere a una pulizia completa dei serbatoi e della rubinetteria, e far defluire a lungo l’acqua da tutti i rubinetti.

 

Legionella: percezione del rischio e dpi da utilizzare

Il rischio legionella è molto sottovalutato sia dai datori di lavoro che prendono sottogamba il reale rischio per i proprio operatori, sia dai lavoratori stessi che essendo poco formati, non eseguono il più delle volte le corrette procedure di prevenzione della legionella. Oltre a questo, gli addetti ai lavori non utilizzano sempre i Dispositivi di Protezione Individuali che vengono consegnati dal Datore di Lavoro (mascherina, occhialini, guanti). Oltre all’ambito lavorativo, risulta evidente la mancata percezione di questo rischio; negli ultimi mesi, infatti, sono aumentati i casi di legionellosi in ambito “domestico” (contaminazione impianto idrico artificiale) che purtroppo hanno portato anche delle vittime.

Condividi
Ti potrebbe interessare anche...
Lascia un commento!
*  *  * 
I PIÙ LETTI
misure di prevenzione e protezione
Cat. : Documenti della sicurezza - 20 aprile, 2018